venerdì 15 febbraio 2013

Battaglia delle Arance... istruzioni per l'uso

Apro solo una parentesi per dirvi che partecipo al Countdown
di  Iolecal, in onore della Festa delle donne...
basta mettersi come follower ed inserire il widget con la mimosa,
che vedete qui a lato, per aver la possibilità di vincerne uno personalizzato
per il vostro blog... semplicissimo !!!!!!
Se poi non vi interessa partecipare fateci comunque un salto perchè ci sono delle idee molto carine per personalizzare il blog !!!!

Ma ora a noi perchè
A L'E' TURNA CARLEVE'...

vi ho parlato del carnevale d' Ivrea e della sua storia,
ve ne ho dato un' anteprima attraverso le foto della presentazione dei carri,
ma non potevo perdermi il vivo della festa, la battaglia... i personaggi...
spero solo di non annoiarvi troppo con questo spirito carnevalesco !!!!

Suvvia... partiamo...

Per prima cosa l'abbigliamento : pesante e soprattutto... impermeabile !!!
Divisa... nove squadre a piedi, ognuna caratterizzata da colori diversi che rappresentano il popolo e più di 50 tra pariglie e quadriglie ognuna
con divisa e stemma caratterizzante che rappresentano il tiranno...
...o semplicemente un indumento rosso (anti-tiro)
per chi volesse guardare e basta !!!
Il berretto frigio è quello che caratterizza Ivrea
ma le varianti sono infinite...
Prima della battagli Ivrea presenta un inebriante profumo di arance,
vin brulè, bombardino carnevalesco : vov e vecchia romagna caldi
( l'originale è ruhm, caffè, vov caldo, panna montata
e scaglie di cioccolato.... 'na bomba ), frittelle, panino del porcaro
(salsiccia o porchetta con cipolla, crauti, peperoni e tanta salsa )...
insomma se siete a dieta lasciate perdere !!!!!!!
Le piazze, invece, sono vuote in attesa del via...
...tranne una, piazza di città, dove tutti aspettano il via alla battaglia...
( Quella degli AUC è un' organizzazione universitaria,
il venerdi organizzano la "ciucca longa"...
ossia la camminata alcolica !!! )

...ed ecco che parte la sfilata...
...i portabandiere delle casate, seguiti da...
...pifferi e tamburi...
...il protagonista maschile : il generale con, stato maggiore,
vivandiere ed il gran cancelliere...
...gli Abbà, rappresentanti i rioni della città...
ed eccola, dietro alla banda, la vezzosa mugnaia,
il cui nome è svelato solo il sabato prima del carnevale...
...al cui seguito c'è ancora uno stuolo di personaggi
storici in abiti d'epoca...
...ed ecco che squadre e carri intonano le proprie canzoni,
i cavalli scalpitano e...
(questa l'ho fatta per Betty)
...la battaglia ha inizio !!!!!...

...e poi...
tutti alla giostre a concludere il divertimento...




...sapete qual'è la cosa più bella????
vedere così tante persone ridere felici e allora...

ARVEDZE A GIOBIA 'N BOT !!!!!!!!!!!!

14 commenti:

  1. Non so che significhi questa frase dialettale, ma vedere le persone felici, vederle sorridere e la cosa più bella che ci sia!
    Complimenti per le foto!
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. significa "ci vediamo giovedì (grasso) all'una"!!!!!!
      si è proprio vero!!!
      grazie

      Elimina
  2. Brava Silvia ottimo reportage.
    Bacio.
    Miky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mai come i tuoi particolari!!!!!
      grazie a presto

      Elimina
  3. A ivrea c'è un principe
    A Ivrea c'è un principe
    è il principe mio è il principe mio è il principe mio è il principe mio è il principe mio...
    Bè di tutte le magnifiche foto che hai scattato è quella che preferisco,chissà perchè...
    Scherzi a parte, hai fatto un bel reportage.
    W il carnevale ......di Rio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. strano.... non l'avrei mai detto :-) :-) :-)
      magari poter essere la!!!!!!!!!!!!!!!!
      ciauuuuuuuuuu

      Elimina
  4. Tanto di cappello per fotografare in queste condizioni :-) camera a rischio arance!!! Bellissimo reportage!! l'inquadratura degli zoccoli del cavallo mi ha colpito in particolare, sebbene sia l'unica che a vederla da sola non sarebbe inerente al tema :-)
    post ricco di colori e movimento!
    cari saluti
    Dany

    RispondiElimina
    Risposte
    1. es si, non è per niente facile!!! ma quando sei abituato a viverci in mezzo viene quasi naturale!!!!sono gli zoccoli dei cavalli della mugnaia che viaggiano sempre su strada pulita, a differenza di tutti gli altri :-)
      a presto dany grazie per la visita!

      Elimina
  5. che post meraviglioso,adoro il Carnevale:))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille... peccato che raccontarlo tutto sia troppo lunga... si parte dal 6 gennaio e praticamente ogni domenica c'è qualcosa!!!!!
      grazie baci

      Elimina
  6. Ciao Silvia,complimenti bel servizio fotografico, queste feste sono molto sentite, e' appunto un modo per scacciare i pensieri, molto folkloristico,
    belli i costumi e tutti gli annessi e connessi,brava, non vorrei essere nei panni di chi deve pulire alla fine, ahah, ciao grazie baci rosa a presto buon week end.))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si essere li è un'emozione unica... che si può condividere o meno... non a tutti piace :-)
      grazie mille della visita!!!

      Elimina
  7. Sei bravissima Silvia mi piace l'arte della fotografia e quando vedo o riesco a scattare una bella foto mi emoziono sempre. Io ho 4 blog se vuoi passare sarai la ben venuta. Ah.. ho anche un blog di foto ma lasciamo perdere lo voglio chiudere niente a che vedere con le tue ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per la visita e benvenuto
      certo vengo subito a trovarti :-)

      Elimina